Docenti

Martina De Nisi

Romagnano-138Nata a Trento nel 1982, dopo essersi dedicata ad altre discipline quali la ginnastica artistica e la danza moderna, si avvicina allo studio del flamenco nel 1999 con Adriana Grasselli. Nel 2007 conclude il persorso di laurea in Matematica Specialistica. Nel corso degli anni studia costantemente tra Italia e Spagna (Cordoba, Amor de Dios Madrid e Festival de Jerez de la Frontera)  con i maestri Elena Vicini, Maria Josè Leon Soto, Charo Espino, Maribel Espino, Angel Muñoz, Miguel Angel Espino, Silvia Marin, Carmen Meloni, Inmaculada Ortega, Inmaculada Aguilar, Javier Baron, Merche Esmeralda, Rafael Peral, Rosa Jimenez Santiago, Maribel Ramos “La Zambra”. Dal 2007 al 2009 tiene corsi di flamenco a livello principiante e intermedio all’interno dell’ associazione Peña Andaluza.

Per ampliare la sua formazione artistica frequenta inoltre:

  • corso di flamencologia tenuto dal chitarrista Antonio Porro;
  • stages di cajòn con Angel Muñoz, Angelo Giordano e Nantha Kumar;
  • corso di cante flamenco con Nuria Burgos;
  • dal 2008 frequenta inoltre l’accademia di teatro Teatrincorso Spazio 14 di Trento.
  • laboratorio coreografico con Elena Vicini (Vicenza, 2011-2012)

Dal 2007 collabora con il Museo Tridentino di Scienze Naturali nel progetto “S…ballo al museo”, in cui viene messa in relazione la fisica col flamenco. Partecipa agli spettacoli della Peña Andaluza, tra cui “Sei personaggi in cerca di Lorca” (2006), e “Surrealismo flamenco” (2007), “Caleidoscopio” (2008), “Jugando a Carmen” (2009). Nel 2007 prende parte ad uno spettacolo di teatro-flamenco, dal titolo “Le Troiane” di Euripide (con adattamento del testo di Leonardo Franchini e regia di Elena Marino), in collaborazione tra Peña Andaluza e Teatrincorso Spazio 14, in cui ricopre il ruolo di Atena cimentandosi sia in ambito attoriale  che flamenco. Nel 2010 fonda l’ASS. Flamenco Miel y Limon.

Numerose le recenti collaborazioni tra cui, in particolare, quella con Soncai Flamenco Piacenza. Proprio grazie a quest’ultima collaborazione, partecipa ad una tournee in Istria nell’importante Festival GitarIstra e nel Tablao Morao y Oro di Vicenza facendo parte del gruppo residente.

Leggi l’intervista a Martina De Nisi sulla rubrica “Qué mire usté””


Tony Colangelo

GitarIstra Vrsar Croazia Agosto 2011Nato a Benevento nel 1977. Da sempre appassionato alle percussioni, rimane affascinato dal cajon flamenco nel 2006. La sua formazione, prevalentemente autodidatta, si deve inoltre, allo studio con artisti come: Angelo Giordano, Antonio Porro, Nantha Kumar, Gilson Silveira e all’accompagnamento di numerosi stage (Javier Baron, Angel Muñoz, Miguel Angel Espino, Elena Vicini, Silvia Marin, Carmen Meloni, Maria Josè Leon Soto, Rosa Jimenez Santiago, Rafael Peral e altri) e lezioni e spettacoli di flamenco (Nel 2006, 2007 e 2008 accompagna come percussionista, le lezioni e gli spettacoli dell’associazione “la Peña Andaluza”). Nel 2009 collabora  con l’Ass. “La Malita” accompagnando alcuni stage e spettacoli.

Nel 2010 partecipa a:

-Seminario Internazionale di Cajon, tenuto a Sant Boi de Llobregat (Barcellona), dove ha l’occasione di approfondire alcune tecniche, studiando con i maestri: EL Cepillo, Lucky Losada, Jose Carrasco, Agustin Diaz, Arcangel, Aziz Khodari, Sergio Ramos. Parallelamente al flamenco si dedica al teatro, frequentando il corso triennale di Teatro presso l’accademia Teatrincorso Spazio 14 di Trento e prendendo parte a spettacoli della compagnia. In particolare recita il ruolo di Poseidone nello spettacolo di teatro-flamenco dal titolo “Le Troiane” di Euripide (con adattamento del testo di Leonardo Franchini e regia di Elena Marino). Nel 2010 fonda l’ASS. Flamenco Miel y Limon ed è ideatore del progetto “Flamenco y Vino”.

Dalla collaborazione con l’ASS. Soncai Flamenco, scaturisce una tournee in Istria per il Festival GitarIstra e la partecipazione al Tablao Morao y Oro di Vicenza come percussionista del gruppo residente. Cura la regia degli spettacoli e dei saggi dell’Associazione. E’ autore e regista del documentario “Flamenco y vino: una unica esencìa, un unico espiritu” selezionato al IX° Ciclo de Cine y Flamenco organizzato dall’Istituto Andaluz del Flamenco de Sevilla e dal Centro de Iniciativas Culturales de la Universidad de Sevilla.

 

Esther Romera Díaz

11707702_10206980921138854_1912256842636290032_o
Nata a Barcelona (Spagna) nel 1981. Catalana di seconda generazione, sin da bambina impara a convivere con la cultura di origine e quella di nascita. Si avvicina al Flamenco in casa grazie ai nonni, ma anche ai genitori, zii e cugini. A sei anni inizia a frequentare lezioni alla “Casa de Córdoba”, dove impara sevillanas e partecipa alle manifestazioni culturali. Poi continua il suo percorso in altre associazioni come la “Peña La Macarena y el Niño de Morón” e stage fino al 1999, quando inizia gli studi universitari che combina con esperienze di volontariato e lavorative nel mondo della assistenza sociale e la didattica.
Nel 2003 consegue la laurea in Educazione Sociale e decide di lasciare Barcelona per andare incontro alle sue radici, trasferendosi prima in provincia di Siviglia, poi nella provincia di Cadice, dove nel 2004 riprende a frequentare corsi di flamenco nella Asociación Cumbre Flamenca de Carmen Peña.
Nel dicembre 2006 il destino la porta a trasferirsi nuovamente, questa volta a Trento. Nel 2008 riprende a studiare flamenco nella Peña Andaluza e nel 2011 arriva l’incontro coinvolgente con l’associazione “Flamenco Miel y Limón”, che continua ad alimentare una passione lunga una vita.
Dal 2016 ricopre il ruolo di vicepresidente dell’associazione.